Close

editoria

formato:
24x30 cm
rilegatura:
brossura con alette
pagine:
72
illustrazioni:
a colori e in bianco e nero
lingua:
italiano
pubblicazione:
Febbraio 2021
ISBN:
978-88-569-0740-7
prezzo:
15.00 euro

girolamo santacroce. il san giovanni battista rubato e ritrovato un caso di buon governo italiano a cura di riccardo naldi

fotografie di luciano e marco pedicini

quante volte ci è capitato, di fronte a casi di degrado del nostro patrimonio artistico, di dar libero sfogo alla nostra indignazione pronunciando la parola: ‘malgoverno’? ma la realtà è molto complessa, chiaroscurata da luci e ombre. così è anche per la pubblica amministrazione. troppo semplice fare di tutta l’erba un fascio, dimenticando che, accanto a chi si rende colpevole di negligenze, vi è chi dedica ogni energia a risolvere i problemi, andando ben al di là della logica del ‘mi tocca/non mi tocca fare’. questo libro racconta una vicenda che, cominciata sotto l’etichetta del ‘malgoverno’, si è trasformata in un caso esemplare di ‘buongoverno’. nel 1977 fu rubato dalla chiesa napoletana di san giovanni a carbonara un capolavoro della scultura del rinascimento: un san giovanni battista eseguito da girolamo santacroce. giorgio vasari, fin dall’edizione del 1550 delle sue celebri vite, considerava l’opera un vertice dell’arte italiana.
all’improvviso, nel 2016, ecco ricomparire la statua, prontamente avvistata e recuperata, poi restaurata e infine ricollocata nella sua sede originaria. senza l’assiduo impegno di donne e uomini delle istituzioni, probabilmente il san giovanni battista sarebbe ancora lì dove è stato rinvenuto, in attesa di essere estradato verso la sua terra natia. il volume è corredato da una nuova campagna fotografica eseguita prima e dopo della ricollocazione, con la ripresa di inediti dettagli che danno ragione all’elogio di vasari. [riccardo naldi]

sommario

sfoglia le prime pagine