Close

editoria

formato:
20x21 cm
rilegatura:
brossura con alette
pagine:
192
illustrazioni:
circa 20 a colori
lingua:
italiano, inglese
pubblicazione:
Dicembre 2022
ISBN:
978-88-569-0873-2
prezzo:
25,00 euro

i borghese e la musica a cura di gerardine leardi, riccardo martinini

gli archivi di famiglia riferiscono della presenza  del giovane mozart, nella settimana santa del  1770, nella dimora “a dimostrare ancor più, che i  principi borghese si servivano della loro villa per  loro ricreamento, per dar feste e trattenimenti a’  loro amici e a illustri forastieri”.
la galleria, oggi museo, “prima della sua  vendita allo stato italiano da parte della famiglia  borghese nel 1902 fu la palazzina fuori dalla  porta pinciana che splendidamente accoglieva  la collezione archeologica e di opere d’arte,  formata dal cardinale scipione nel seicento e  conservata quasi intatta dai successori, goduta  privatamente o in occasioni diplomatiche, di  rappresentanza, ricreative, legate agli altissimi  uffici ricoperti dai principi e cardinali della  famiglia. la musica era parte integrante e  quotidiana di questo godimento, e anche se  mozart non dovesse aver mai messo piede nella villa pinciana è comunque indubbio che suonare,  concertare, cantare, commissionare musiche,  mantenere compositori siano stati impegni  e occupazioni propri alla vita e alla funzione  di questo luogo, tra seicento e settecento  soprattutto…”.

i borghese e la musica è il primo risultato  editoriale di “un progetto di ricerca sulle  musiche legate a casa borghese, dedicate, commissionate, scritte ed eseguite sotto la sua  protezione, è un lavoro sui valori immateriali della  ricchezza culturale che la famiglia ha elargito nel  tempo e che rimane nella nostra eredità, a patto  che sia trovata e rivitalizzata”.  [dal saggio di geraldine leardi]

sommario
sfoglia le prime pagine